martedì 16 maggio 2017

Shadow Magic Week | Day #2 ~ Lily e Thorn

Ciao a tutti! Spero che la vostra settimana sia iniziata bene, a differenza della mia.  Ma cosa c'è di meglio per risollevare l'umore di parlare di un libro che hai amato follemente? Continua la mia Shadow Magic Week! Proprio oggi esce in Italia Dream Magic, il secondo capitolo della serie! *fuochi d'artificio* L'avevo già detto che è uno dei libri che più attendevo nel 2017? Questa serie è riuscita davvero a stregarmi! Oggi vi presento i suoi fantastici protagonisti: Lily e Thorn!


LILY
«Cavalieri e Dame, vi presento Lady Lilith Shadow, erede della grande Casa dell’Oscurità. Signora di Castel Cupo, sovrana di Geenna, custode del confine tra la terra dei vivi e quella dei morti. Figlia di Lord Iblis Shadow. Nipote di Charon Shadow, conosciuto come il Viaggiatore del Crepuscolo. Figlia della prima e più antica delle sei Grandi Case…»
«Si sta un po’ facendo prendere la mano, o sbaglio?»


Lilith, per gli amici Lily, è l'ultima discendente degli Shadow. Ha solo tredici anni, ma dopo lo sterminio della sua famiglia per mano di una banda di briganti è rimasta sola e ha sulle spalle il destino di un regno intero. Dovrebbe sposare Gabriel, borioso e viziato rampollo dei Solar. Lily però ha un bel caratterino, e si oppone con tutte le sue forze. La dicotomia di questo personaggio è molto interessante. Da una parte Lilith, Lady Shadow, la solitaria signora di Castelo Cupo, l'ultima discendente della casata, condannata a sacrificarsi, a sottomettersi, con un matrimonio di interesse per salvare il suo popolo. Dall'altra Lily, vivace tredicenne curiosa e avventurosa, piena di voglia di vivere, di scoprire il mondo e di sfuggire dalle etichette e dagli obblighi. Quella ragazzina che non vuole altro che correre e giocare con il suo adorato Crema, il giovane labrador a cui tiene più di qualsiasi altra cosa al mondo. Quello che la gente si aspetta che lei sia, si scontra duramente con la sua vera natura e con i suoi desideri.  

«Sei bella come tua madre» disse Mary.
«Lo dici sempre.»
«Perché è sempre vero.»


Lily è di una bellezza cupa, ma allo stesso tempo eterea, come una fatina gotica. La sua pelle è chiarissima, in netto contrasto con i capelli neri come le piume di un corvo e lisci e lunghi come una cortina di seta, proprio come quelli della madre. Gli occhi sono grigi, come una minacciosa tempesta in avvicinamento, tanto simili a quelli di suo padre. Incarna i tipici tratti della famiglia Shadow, nera di nome e di fatto.
 
THORN   
«Quanti anni hai?» chiese.
«Dodici, Mastro.»
Tyburn indicò l’amuleto che portava al collo. «Cos’è quello?»
Thorn lo coprì di scatto con la mano. «Non vale niente.»
«Sembra il marchio di un falegname. È così?»
Lentamente, Thorn abbassò la mano. Tyburn non voleva prenderglielo; ne era solo incuriosito. «Sì. Me l’ha fatto mio papà. Ne ha fatto uno per ogni membro della mia famiglia.»
«Quindi tuo padre è un falegname?»
«Taglialegna. Fa qualche lavoro di falegnameria. Porte, carri, cose così. Ci incide sopra il disegno della ghianda in modo che la gente sappia che li ha fatti lui.» 


Tormentato da terribili eventi del suo passato, Thorn è alla ricerca di risposte. Dodici anni, zazzera di capelli biondi scompigliati, è figlio di un taglialegna, ed è abituato al duro lavoro e alla vita grama dei campagnoli. Come tanti altri nella sua sistuazione, è dovuto crescere in fretta, per aiutare la famiglia, ma non se ne è mai lamentato. E' partito alla ricerca del padre, che è stato costretto a fuggire dal villaggio dopo essersi preso una colpa non sua e il suo viaggio fin da subito non si è rivelato una scampagnata. Ma il peggio è arrivato quando è stato catturato da un mercante di schiavi che l'ha messo in vendita. A comprarlo è un uomo per niente rassicurante, Tyburn, il terribile boia degli Shadow, un uomo che si dice sia senza pietà e senza cuore. Lo porta con sè a Castel Cupo per farlo lavorare come suo scudiero. Così la sua strada si incrocia con quella di Lily. E anche quella di Ade. Thorn infatti farà amicizia con un 'animaletto da compagnia' piuttosto speciale: un pipistrello gigante, che gli si dimostrerà incredibilmente leale. 

«Si chiama Ade» disse Lily, indicando il nome scritto sulla pagina spiegazzata di un vecchio diario di famiglia. Faticava a contenere l’eccitazione. Non era passata neanche un’ora da quando Thorn era arrivato in volo e ora lei sedeva al tavolo del suo studio, circondata dal ragazzo, il Vecchio Colm, Tyburn e Pan. «Significa re dell’oltretomba.»
«Gli si addice» commentò Thorn.
Lily batté con il dito sul libretto rilegato in pelle. «Questo è il diario del mio trisnonno Faust Shadow. Ade era il suo animale da compagnia.»
Thorn aggrottò la fronte. «Animale da compagnia?»
«Faust era un famoso alchimista. Lui… faceva esperimenti su Ade. Pozioni della crescita. E anche prolungamento della vita, a quanto pare.» Voltò pagina. «Vedi qui? Faust lo cavalcava perfino in battaglia. Ade sparì centoventi anni fa e tutti pensarono che fosse morto, ma ora salta fuori che era solo… ibernato.»


Non sono carini? Se volete saperne di più su di loro e se li state già shippando non vi resta che gettarvi a capofitto in questa avventura! Shadow Magic e Dream Magic vi aspettano in libreria! *w*

Nessun commento:

Posta un commento